Uniglobus

Da 50 anni, una storia che continua...
Vai ai contenuti
LETTERA DEL PROF. COSIMO LORE'

Carissimi,

si legga (Mauro si rilegga...) pagina 12 e la prima parte di pagina 13 del prezioso documento allegato (dossier "MPS" pubblicato dal Cittadino a Siena in data 12 agosto 1983) e si comprenderà il significato storico e non solo del nostro recente incontro altrimenti destinato a svanire nella memoria come ennesima fatua evenienza conviviale inscrivibile nella indistinta mangiatoia nazionale, sia metaforica che materiale, cui sono ridotte la grandezza e la bellezza del patrimonio culturale e paesaggistico italiano!
Il Monte come la Sclavo sono stati privatizzato e quindi spolpato il primo, svenduta e criminalizzata (...la non mai abbastanza "attenzionata" infame tragedia del "sangue infetto"!) la seconda, entrambi espropriati da soggetti stranieri, estranei ed ostili a quella "senesità" che è stato il modo unico e "superbo" di "sentire" e amministrare simili istituti come la città e le contrade e l'antico ospedale e la gloriosa università!
Per questo dobbiamo ringraziare chi ci ha voluto incontrare e ospitare forse in parte inconsapevole di quanto la sua idea fosse foriera di una nostra vitale riscoperta di un lungo sofferto passato per un improbabile ma pur sempre perseguibile ed auspicabile recupero (di qui il titolo che ho pensato di dare all'incontro: "a volte ritornano...").
In una società sempre meno socievole per una collettiva perdita di memoria storica costituire isole siffatte di reduci di vicende che hanno scandito momenti di magnificenza e derive di declino è opera certo meritoria...
Che il nostro ritrovarci non sia estemporaneo e non finisca nella paralizzante confusione dell'attuale sovraccarico cognitivo di una convivenza umana senza più consapevoli intendimenti ed immaginifici progetti!
Se non fosse per l'autorevolezza e la fierezza che vorrei scaturissero da questo mio scritto mattutino oserei stimolarvi supplicandovi di far sì che del nostro convivio senese non restino solo vaghe flatulenze...

Vostro Prof. Cosimo Loré

GIULIO TARRO?
ALLA RICERCA DEL KILLER?!


E PER I GRANDI UNTORI IMPUNITI?

Per una questione di logica oltre che di giustizia si deve segnalare la paradossale sproporzione a questo punto esistente tra i soggetti giustamente puniti perché pericolosi per la salute pubblica e i responsabili tuttora impuniti della strage perpetrata a mezzo di tonnellate di sangue ed emoderivati infetti da virus HIV e HCV… dopo l’oscena assoluzione - malgrado l’accertamento della palese gravissima colpevolezza - del megadirettore ministeriale Duilio Poggiolini consapevolmente arricchitosi con il mare di sangue che infettò migliaia di italiani: si veda la vicenda detta “Padmore” alla pagina www.uniglobus.it/files/1-l-Avvocato-del-Diavolo.pdf...(Doc09 in allegato)
Ciò anche per il tardivo dovuto riconoscimento ai capaci, coraggiosi e finora inascoltati magistrati Giardina e Granero, ufficiale della guardia di finanza Marco Tripodi, giornalista Elena Cosentino, che negli anni novanta scoprirono come cinque tonnellate infette di plasma e prodotti emoderivati per molti miliardi, rimasti in giacenza nei magazzini patavini in uso all’Istituto Sieroterapico Vaccinogeno Achille Sclavo di Siena, non vennero distrutti ma reimmessi con carte false (contratto stipulato dalla Sclavo nel 1993 con la società Padmore costituita nel 1994 per eludere il decreto di distruzione delle scorte emesso da un onesto ministro, Maria Pia Garavaglia) nel mercato con effetti lesivi e letiferi per una moltitudine di infettati condannati da HIV e da HCV…
Un cold case: https://mednat.news/trasfusioni/scandalo_sangue-infetto-tafferuglio.pdf) (Doc10 in allegato) che ancora attende verità e giustizia con centomila nella sofferenza e migliaia nella tomba, fra cui il battagliero sfortunato fondatore e presidente dell’associazione vittime di emotrasfusione, Angelo Magrini, divenuto famoso per avere contribuito negli anni novanta all’arresto di Duilio Poggiolini…
A meno che non valga sempre l’antico detto e saggio proverbio adattabile alla fattispecie qui in esame…: chi unge poco va in galera e chi unge assai se la cava e fa pure carriera
(si veda a pag. https://dettieproverbi.it/proverbi/italia/chi-ruba-poco-va-in-galera-chi-ruba-tanto-fa-carriera/)...(Doc11 in allegato)

BUON COMPLEANNO Prof. TARRO
Caro Giulio

Leggo con grande piacere la lunga ed esaustiva  intervista a Paolo Becchi su Libero rilanciata da Dagospia.
https://www.dagospia.com/rubrica-39/salute/tutto-quello-che-avreste-voluto-sapere-virus-chiesto-becchi-241382.htm . Un modo giusto e bello per festeggiare il tuo 82 compleanno e spazzare vie le molte nuvole nere che i molti corvi fanno aleggiare  sul tuo capo, con una campagna di pubblicità e progresso che ha tentato di bruciare IL tuo prezioso contributo all'analisi della EMERGENZA COVID-19, CHE STA METTENDO IN CRISI L'INTERO SISTEMA SCIENTIFICO MEDICO INTERNAZIONALE che si confronta con dinamiche virali  erratiche degne di un Tour dei Queen,   dove invece di avere centinaia di migliaia di fans, abbiamo centinaia di migliaia di contagiati e di  morti.
Sul che fare per gestire l'Epidemia esistono molte scuole che si confrontano troppo spesso con la spada e questo non porta bene ad una analisi scientifica del problema e allo sviluppo di soluzioni di COLLECTIVE INTELLIGENCE, che invece sarebbero essenziale per l'analisi e la soluzione ottimale delle situazioni  critiche, contro cui ci stiamo scontrando a tutti i livelli dai primi giorni con i respiratori e le terapie intensive piene e l'infelice scelta di chi salvare, ad oggi che siamo accerchiati da epidemie lontane ma non troppo visti i viaggi facili e l'interconnessione globale in cui viviamo dalle Americhe all'Asia che non è solo Cina come si pensava all'inizio della Pandemia.

Sarà saggio condividere le idee le ipotesi i dati e ragionare andando oltre le dichiarazioni ai giornali e alle TV che stanno stanno politicizzando un problema che politico non è anche con operazioni di sciacallaggio che ci fanno rimpiangere gli sciacalli che di solito si muovono per fame.

Sui numeri resiste qualche problema ancora irrisolto.

Secondo lo studio inglese che citi, in Italia siamo sul 50 -60% di contagiati, cosa che di fatto si è verificata in alcune zone rosse, ma altrove anche in Toscana, il personale sanitario che è stato Frontline, presenta un tasso di anticorpi ben al di sotto il 5%

O i test non erano validi,

O girano già altri corona virus
Oppure siamo ancora ad una penetrazione del virus lontanissima dall'effetto gregge desiderato (ti confesso che speravo molto di avere le IgG ma sono rimasto deluso), come ho poco compreso la scelta dei nostri cosiddetti esperti di scegliere il TEST ABBOTT che fa solo le IgG e non le IgM, e relative scelte di quaranternizzare i positivi alla IgG che come insegni sarebbe segno di immunità, altrimenti perché facciamo i vaccini se non per stimolare la produzione di IgG protettive?

Per le terapie credo che hai ragione nel dire bene  sulla sieroterapia,  su l'idrossiclorochina e sulle altre terapie di contenimento delle infiammazioni e ovviamente sugli antivirali.

In merito agli antivirali, ti segnalo  un interessante contributo teorico sulla possibilità di uccidere il coronavirus con radiazioni elettromagnetiche specifiche che ci viene da uno dei più grandi teorici, Allan Widom, che getta una nuova luce sulle osservazioni che avevo segnalato sul contrasto elettromagnetico ai virus di tipo erpetico e del raffreddore http://www.cimb.me/casi-clinici.html

Trovi un appunto di Allan in allegato, su cui ci sarà da lavorare per testare con i vari dispositivi in circolazione , io ne ho una "scatoletta ucraina" come la chiamava la Oca  Sapiens sulle sue pagine "scientifiche", che ha avuto modo di sorprendermi negli anni ed in particolare nel contrasto all'equivoco virus del raffreddore, che, di questi tempi crea non pochi problemi, in tempi di temperature fredde (esterne)   e calde sulla pelle, e di quarantene a go go, e anche a casaccio, prendendo dal mucchio di paesi i cui cittadini che rientrano in Italia,  vengono quarantenizzati e se il malcapitato/a chiede un tampone per sapere se è positivo e quindi a ragione restare a casa e se è negativo  invece uscire per lavorare mantenere la famiglia, gli viene risposto  che non è possibile.

Pare che qualcosa vada cambiando. Se vogliamo evitare di continuare a farci male sarà il caso di sbrigarsi come scrive il Vice Ministro alla Salute Sileri https://www.repubblica.it/cronaca/2020/07/08/news/sileri_tamponi_anche_a_chi_arriva_da_aree_extra_schengen_non_ad_alto_rischio_-261285560/

Ciò si poteva capire all'inizio della crisi epidemica con la struttura sanitaria  in preparazione,  alla stregua di una America dopo Pearl Harbor.

Ma adesso  con la macchina contro il virus a regime,  che senso ha come saggiamente scrive Crisanti di Padova    https://tg24.sky.it/salute-e-benessere/2020/07/05/coronavirus-crisanti-intervista?social=facebook_skytg24_link_null ?

Risparmio di qualche  DECINA DI EURO di test  ?

Timore che scopriamo di avere casi positivi come all'inizio per cui non facevamo i test per non guadagnare tristi primati e oggi scoprire che abbiamo ancora qualche problema, mettendo la polvere virale sotto i tappeti?

La Quarantena di 14 gg a che serve, tenendo presente che spesso i positivi lo restano per oltre un mese ?

Non è più saggio fare a tutti i provenienti da aree critiche,le gli anticorpi (possibilmente qualcuno testato  validato e completo di IgM e IgG pls) il tampone di massa nei giorni successivi all'arrivo?

Domande a cui non capisco la logica con cui i nostri del COMITATO TECNICO SCIENTIFICO DI PALAZZO CHIGI VANNO RISPONDENDO.

 In merito al mio infelice pezzo dell'altro giorno su BACCO TABACCO E VENERE
https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3590768210937538&id=100000131826854   nel convenire sulla tua garbata critica al mio scrivere sulla tua indifferenza al tabacco, non commentando il tuo disinteresse se non estetico per Venere, che per il vero non viene condiviso da molti ottuagenari, impegnati sul fronte operativo tutt'altro che freddamente e artisticamente, uno per tutti Luigi De Marchi noto Old Play Boy fino a pochi anni fa quando ci ha lasciati, https://www.macrolibrarsi.it/autori/_luigi_de_marchi.php, sono obbligato a segnalarti qualcosa su
Bacco, noto oramai non solo  per il componente principe del vino rosso che apprezzi molto il
Resveratrolo - Wikipedia, ma anche per il sempre più famoso  Bacco, Pasquale, che dopo qualche fugace incontro non in osteria (dove vale nelle migliori la massima che una tavola senza vino è come una giornata senza sole), tenta di trascinarti in altre disavventure meno allegre, in una guerra equivoca contro quanti avrebbero ucciso tante persone durante la fase iniziale della epidemia seguendo  i protocolli  e i vari tentativi che apparivano possibili e plausibiliu https://www.radioradio.it/2020/07/dott-bacco-li-denunciamo-con-i-loro-protocolli-hanno-condannato-la-gente-a-una-morte-orrenda/  e che evidentemente a parere del BACCO PASQUALE
AVEVANO OSATO NON   tenere conto della saggezza e degli studi della non famosa, poco nota, quasi segreta MELEAM SPA,  che ad un certo momento  ti ho chiesto di poter visitare negli uffici e nei laboratori,  dove sarebbe stato realizzato quel  grande studio su oltre settemila pazienti, che avrebbe dovuto illuminare medici, governo,ecc e che noi volendo almeno un pò di luce e  anche per poter rispondere alle insistenti richieste di collaborazione del Bacco, con i nostri centri di ricerca accademici a cui pareva tenesse tanto.

Ho difficoltà a capire l'agire del Bacco Pasquale che continua a coinvolgerti in una denuncia usando il tuo nome abusivamente senza permesso abusando di un èò di confidenza nel fare qualche incontro con lui  che a questo punto appaiono questi incontri nella loro natura troiana come tutto il cavalluccio di troia COSTRUITO SULLA VICENDA BACCHICA.  Tu mi scrivevi a proposito di Bacco:

"Hai bene interpretato il mio pensiero ed anche il percorso (sul piano giuridico mi rifaccio ovviamente a Carlo Taormina ed Angelo Giorgianni). Ti abbraccio"

Nell'augurarti ancora un felice compleanno (82 sono buoni e hai fatto tanto come abbiamo scritto   https://www.cybermednews.eu/index.php/it/cybermed-news-publisher/71174 ) auspico che potrai continuare a dare il tuo prezioso contributo alla lotta alle malattie infettive che ti ha visto dai tempi della collaborazione con Sabin e poi dalla direzione del Cotugno id Napoli in prima fila e vincitore con il popolo napoletano che condividerà con noi un grande augurio di lunga vita caro Giulio.

Cari saluti
Vincenzo Valenzi


CORONA VIRUS:  RITORNERAI?
Bruno Lauzi - Ritornerai  

La domanda, non amorosa come nella canzone di Bruno Lauzi , campeggia nel cielo finalmente azzurro e soleggiato di un Giugno che è sembrato tanto un marzo  pazzo senza aver provocato gli sfracelli  temuti per via delle intense perturbazioni temporalesche che hanno caratterizzato le prime tre settimane del mese.
Premesso che il virus continua ad essere tutt'altro che scontato nel suo comportamento, come si deduce dal suo mortale tour mondiale,  che in questi giorni  sta colpendo le Americhe e l'India in particolare poco attento anche lì alle temperature (TENENDO ANCHE  PRESENTE CHE LE AREE MONTANE PIU' FREDDE SONO MENO COLPITE ) https://www.corrierenazionale.net/2020/06/26/cancellata-la-maratona-di-new-york-messico-584-sanitari-morti-parigi-chiuse-due-scuole-elementari/
ci si domanda il senso di talune posizioni di componenti di rappresentanza italica all'OMS, esperti più che altro  in appropriazioni di titoli roboanti indebiti, reiterati come quello di DIRETTORE VICARIO OMS, da qualche giorno declassato a direttore aggiunto dell'OMS, quando trattasi di un tutt'altro che disprezzabile incarico come uno dei dieci  Assistant  Director General OMS https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3411914688822892&id=100000131826854

La spinta al MILLANTATO CREDITO e all'uso improprio di titoli direttivi in OMS,  imbarazza e produce ombre inquietanti sull'agire del Guerra, che già non aveva dato grande prova di sé con il piano pandemico, scopiazzato alla stregua di uno studente svogliato, senza neanche correggere le date dei programmi del  2008 come ci ha rilevato REPORT in risposta alle sue piccate risposte, sulla sua grande opera preventiva, quando dirigeva il dipartimento prevenzione del Min. Salute, dove appariva per il vero  più impegnato nella grande opera di vaccinazione obbligatoria in esecuzione del piano vaccini  GSK,  di cui era membro, qui effettivo, della Fondazione GSK, con altri esponenti dei ministeri chiave, in una posizione di beneficenza dubbia.

Così, le dichiarazioni del cosiddetto Direttore Vicario e poi Aggiunto dell'OMS  sui focolai attesi e inevitabili nell'autunno, sembrano tanto quelli che gli uffici di guerra misero in bocca alla non si sa quanto incolpevole Ministra Lorenzin, sui 470 morti di morbillo a Londra , sparati terroristicamente a Porta a Porta e a Piazza Pulita  e ancora oggi sfuggiti alle maglie strette dei lottatori di professione  contro le fake news, (anche ai capi dei Medical facts), oltre che alla Procura di Civitavecchia, che non ha rilevato niente di penalmente rilevante dopo vari 335 per avere notizie di una denuncia  che era stata palamarizzata  http://www.uniglobus.it/inchieste-virali.html .

Davanti agli sviluppi non negativi dell'epidemia e alle previsioni ottimistiche di diversi studiosi in apprensione per lo stato degli italiani che non moriranno di coronavirus ma non sanno come vivere in questi tempi di guerra, il Ranieri Guerra di ritorno in TV nelle sue nuove vesti di direttore Aggiunto dell'OMS dichiara:

L'epidemia Covid "si sta comportando come avevamo ipotizzato" e "il paragone è con la Spagnola che si comportò esattamente come il Covid: andò giù in estate e riprese ferocemente a settembre e ottobre, facendo 50 milioni di morti durante la seconda ondata". Così Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), durante Agorà, su Rai 3, rispondendo in merito alla lettera di esperti che hanno parlato di "emergenza finita".

Quindi dopo i 470 morti  di guerra  di Londra (morbillizzati dal marketing degli uffici di guerra), ci attenderebbero 50 milioni di morti di COVID-19 in autunno.
Giusto per gradire. Il fatto che l'autunno in Italia lo abbiamo avuto a Giugno(nello sconvolgimento delle stagioni pericolosamente in corso), con fortunatamento pochi contagi e qualche focolaio da isolare e trattare con le terapia emerse e confermate in questi mesi , non sembra sfiorare la mente del megagalattico direttore vario dell'OMS, che vede solo il PIano Pandemico (speriamo un po meglio di quello del 2006 che continua ad ispirare le politiche pandemiche romane )di prevenzione con un vaccino che forse andrebbe testato per sicurezza ed efficacia e confrontato con i risultati attesi a fronte dell'epidemia reale  e non delle epidemia di guerra londinesi o spagnole che fortunatamente queste non si vedono in quello che è stato il post look down e l'autunno di giugno.

Serie estese e profonde ricerche epidemiologiche si impongono per moitorare lo stato reale dell'Epidemia oltre le boutade del direttore di Guerra.
Prato 27 Giugno 2020 Vincenzo Valenzi

Bruno Lauzi - Onda su onda - Live @RSI 1978   oggi come allora.
CANCELLATA MARATONA NEW YORK. MESSICO 584 SANITARI MORTI. PARIGI, CHIUSE DUE SCUOLE ELEMENTARI
Il giorno ven 26 giu 2020 alle ore 07:55 vincenzo valenzi <vinvalenzi@gmail.com> ha scritto:

Tra poche luci e molte ombre, continua il rally del CORONA VIRUS 19 per il mondo, con moderata soddisfazione , malcelata, quando ad essere colpiti duramente sono gli altri, lontani paesi, e tanta apprensione quando si è di turno al centro della epidemia, tanto letale quanto bizzarra nella sua evoluzione spazio temporale e nella gestione politica della stessa che ha visto cadere il rampantissimo Cancelliere Britannico messo KO da uno sputo  che qualcuno, raccogliendo la sua proposta, gli aveva regalato.
Così mentre in Europa ed in ITALIA SI DISCUTE SE E'  TUTTO FINITO E SE QUALCOSA  POTRÀ' TORNARE IN AUTUNNO, IN ALTRE PARTI DEL MONDO  LE COSE VANNO MALISSIMO COME AI TEMPI DELLA EPIDEMIA  PADANA DI QUESTA PRIMAVERA, come si legge dal report del Mattino che segue:

Allarme Usa. «Allarmante». Così Anthony Fauci nella sua testimonianza di ieri alla Camera Usa sull'aumento di casi di coronavirus negli Stati Uniti, dove - secondo la Johns Hopkins University (Jhu)- si registano oltre 2,3 milioni di casi e più di 121.000 morti. Stando al direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, senza la capacità di individuare completamente i contagi, isolare le persone che hanno contratto l'infezione e tracciare i loro contatti, la situazione continuerà a peggiorare. Secondo i dati della Jhu riportati dalla Cnn, ieri negli Usa si sono registrati almeno 36.151 nuovi casi e altri 831 decessi. «Le prossime due settimane saranno cruciali nella nostra capacità di far fronte al picco che stiamo vedendo in Florida, Texas, Arizona e in altri stati», ha detto il virologo che fa parte della task force della Casa Bianca per la lotta al coronavirus, nelle dichiarazioni riportate da The Hill. «Sotto alcuni aspetti abbiamo fatto molto bene - ha detto Fauci, con un particolare riferimento a New York - Tuttavia, in altre aree del Paese, stiamo assistendo a un inquietante aumento delle infezioni». E per questo Fauci si è detto «molto preoccupato». Se gli Stati Uniti non riusciranno a tenere l'epidemia sotto controllo per l'autunno, ha avvertito, «sarà come inseguire un incendio in un bosco».  https://www.ilmattino.it/primopiano/esteri/coronavirus_diretta_contagi_morti_america_texas_brasile_ultim_ora_news_24_giugno_2020-5306507.html

Messico. Timori per la diffusione del virus, che non risparmia gli operatori sanitari. Le autorità segnalano altri 793 decessi e 6.288 nuovi contagi a causa della pandemia. I dati ufficiali parlano di un totale di 191.410 casi con 23.377 morti. E sono 39.032 gli operatori sanitari che hanno contratto il virus, 584 dei quali sono morti. Ma il bilancio rischia di aggravarsi perché sono 13.145 i casi sospetti tra gli operatori sanitari, tra medici, infermieri e personale dei laboratori. I medici rappresentano il 30% del personale contagiato.

In Italia come si diceva le cose vanno meglio, ed in carenza diffusa  di studi estesi, si ipotizza pericolosamente, di tutto di più, opportunamente in TV e nei giornali senza un confronto degno di tale nome nella comunità scientifica, che si sposta impropriamente  nei tribunali   ,  con posizioni oscillanti che confondono non poco l'opinione pubblica e il legislatore che dipende dalla cosiddetta comunità tecnica scientifica,  forse troppo, come ebbe a dire il Burioni Roberto anche lui al centro di querelle per posizioni discusse e discutibili,  forse troppo, visti i toni tra  bar del porto e bar dello sport, che poco si addicono all'ambito scientifico https://www.iltempo.it/attualita/2020/06/24/news/roberto-burioni-restituisce-il-colpo-alle-iene-conflitto-d-interessi-piangeranno-lacrime-amare-in-tribunale-virologo-coronav-23432644/

Tra le posizioni più strutturate segnaliamo quelle patavine:  
Coronavirus, l'intensità di una possibile seconda ondata in autunno divide sempre più i virologi. Andrea Crisanti, direttore della Microbiologia e virologia dell'Università di Padova, non lascia spazio all'ottimismo. «Dovremo aggredire sul nascere ogni singolo cluster, i contagi importati da Paesi in cui l'epidemia è fuori controllo sono molto pericolosi. Ne abbiamo avuto uno anche a Padova, una badante che ha infettato tutta la famiglia. E se non vengono individuati subito, l'Italia rischia di perdere tutto il lavoro fatto con il lockdown. In questo momento la probabilità di infettarsi in Italia, specialmente in alcune regioni, è piuttosto bassa. Personalmente evito gli assembramenti ma vado al ristorante, ho smesso di portare la mascherina Ffp2 e sono passato a quella chirurgica. E un giorno spero di potermela levare del tutto».Vhttps://www.ilmessaggero.it/salute/medicina/coronavirus_quando_finisce_virus_sparisce_covid_19_crisanti_estate_autunno_cosa_accade_veramente-5304473.html

Opinioni diverse da altri studiosi che manifestano ottimismo sulla fine della epidemia da COVID-19. TRA QUESTI IL GRANDE PROTAGONISTA DEL CONTRASTO ALLE MALATTIE INFETTIVE  DEGLI ULTIMI 50 ANNI, GIULIO TARRO, CHE IN UNA DICHIARAZIONE RIPRESA DALL'ADNKRONOS sostiene che:  "uno studio recente pubblicato su PubMed. La van Kerkhove, tuttavia, ha precisato che sarebbe più corretto parlare di sintomatico lieve, cioè con pochi sintomi. Lei ha tenuto a fare questa distinzione, che io trovo corretta sul piano scientifico". E un sintomatico lieve può contagiare? "Bisogna sempre contestualizzare le varie situazioni. Se ci troviamo in una condizione di massima carica virale da parte del virus, in un certo periodo dell'anno, a determinate temperature, in alcuni luoghi chiusi sovraffollati: in questi casi, allora, le misure di distanziamento sociale e di protezione individuale hanno un senso anche nell'eventualità di incontrare un sintomatico lieve - dice Tarro - Ma se la situazione è quella in cui ci troviamo adesso, non hanno proprio ragione di esistere".  https://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2020/06/11/virologo-tarro-covid-sparira-come-sars-dimostra-uno-studio_ZrMLVJoelz3jWgb9eJ7DBM.html  

CHE FARE? Alla domanda continuiamo a non avere una risposta certa e univoca, ed in una situazione come quella attuale non è un buon segno. I costi personali familiari sociali economici ecc sono enormi specie in Italia che era già borderline.
GIA' UN MEZZO PASSO AVANTI CHE SI STA RIPRENDENDO L'ATTIVITà SCIENTIFICA NEI CENTRI DI RICERCA CHIUSI DAL LOOKDOWN.
Se si vuole evitare il grido inutile quanto pericoloso di AL LUPO AL LUPO (al virus al virus), sarebbe utile fare una reale campagna di test di laboratorio  tra tamponi  buoni test anticorpali (a loro volta testati prima di comprarli), verificare il test elettromagnetico di PROGNOS  e altri dispositivi come APEC300, e se la correlazione con gli altri test è positiva inserirli nel set diagnostico. Mettere in quarantena i positivi (solo loro) e mandare gli anziani a rischio e i predisposti con comorbidità in luoghi ad alta qualità dell'aria a
Sud o in montagna o nei Borghi come Poli o Casteldelci dove il CORONA VIRUS  è  stato distrutto dalle difese immunitarie  supportate dal clima favorevole (anche nella RSA c vicino a Roma fatta dal mitico Mario Spallone.
Eseguire studi di popolazione in gruppi sportivi negli stadi durante gli assembramenti spontanei o organizzati (smettendola di sbraitare contro gli avversari di turno dopo aver fatto di peggio qualche giorno prima come ha fatto il Capitano Padano Italiano con i tifosi del Napoli dopo aver organizzato una manifestazione a Roma il 2 giugno. Prendere tutta questa gente e controllare il tasso di contagiati per verificare se gli assembramenti producono o meno un incremento dei suddetti contagi.
Con tutte le telecamere e il volontariato sarebbe fattibile identificare i soggetti e sottoporti ad un test più o meno volontario.
Avremmo così dati effettivi sul rischio reale di assembramenti . Idem su gruppi della MOVIDA . Un drive in nella zona sarebbe utile in tal senso.
Potremmo avere risposte reali e meno chiacchiere .
A tal fine si possono utilizzare il personale dedicato e attrezzato allo scopo , in collaborazione con i centri universitari specialistici.

Per il vaccino, leggo che un italiano su due resiste all'idea che sembrava travolgente, e la Capua Ilaria ,scambiando gli italiani per un gregge di pecore vorrebbe rifare l'ennesimo vaccino obbligatorio  https://www.salutecobio.com/ilaria-capua-vaccino-anti-covid-lo-obbligatorio , su cui si era distinta in qualche modo in ambito veterinario  con risultati brillanti che hanno portato allo smantellamento della zootecnia italiana.Questioni penali a parte  pare che la Ilaria Capua non abbia meditato sufficientemente sui risultati del vaccino sul gregge  più basso nella scala zoologica  e per questo che gli ricordiamo un articolo sull'Espresso che credo avrà dimenticato   https://espresso.repubblica.it/inchieste/2014/07/14/news/la-cupola-dei-vaccini-1.173240. Sul piano Pandemico dopo le operazioni di Guerra credo che bisognerà rimetterci al più presto anche per usare l'ondata di riorganizzazione del mondo sanitario in corso oltre l'emergenza https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3479994505348243&id=100000131826854

Se ne parlerà domani nel corso dell  8th MERIDIANTECH-COVID19 Workshop
DYNAMIC DIAGNOSTICS-DRIVEN PERSONALIZED, PRECISION COHERENT THERAPY
FOR CHRONIC AND INFECTIOUS DISEASES:
                                        Coherent Environment, Coherent Climate and Coherent Drug Therapies                                                         VEDASI PROGRAMMA ALLEGATO

Si può dare di più senza essere eroi https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3479994505348243&id=100000131826854

Prato 26 Giugno 2020 n Vincenzo Valenzi
https://www.facebook.com/vincenzo.valenzi



HEALTH AND WHEALTH FOR ALL AMAZZONIAN NOT ONLY FOR HIS EX WIFE...
While milion of AMAZZONIAN workers arriving May be till 21 of month
in the total drama of pandemic crisis, bilionaire ( with the fruit of workers) continue to make intrigues to gain Money from population by bilionaire loan, see FIAT, and also Atlantia in Italy.

The Dreams of this "Giants", to joke with people and  State could and must finish.

As the bad Dreams of Police Power to abuse of weak people. Police must serve Justice and People security, not show and abuse of its   Power against weak people.

It's time to change
FOR US
FOR ALL
Together Bernie & Joe

Sant'Arcangelo Trimonte ( Benevento ). 4 June 2020 Vincenzo Valenzi .
CIRCOLO PSE IT



Il mer 3 giu 2020, 21:12 Bernie Sanders <info@berniesanders.com> ha scritto:
Vincenzo -
People, across the country, marching in the streets against police brutality and murder.
Over 100,000 Americans dead from the coronavirus, and millions infected.
Tens of millions of workers losing their jobs, struggling to put food on the table, pay their rent, keep their homes or afford a visit to the doctor.
We are in the midst of an unprecedented moment in American history and our people are hurting in a way we have never experienced in our lifetimes. That is the simple truth. And, in the midst of all this suffering, it would be unforgivable if we did not learn some profound lessons from the failures of policies and institutions which have made this difficult situation much worse than it had to be. If all the death, pain and struggle are to mean anything, it must be that we develop a new vision for America and a government based on the principles of justice, not greed.
Tragically, racism and police brutality in America are not new. They have been an integral part of American history. But now, we are seeing people of all races and backgrounds stand up and fearlessly say: "Enough is enough. No more." We will not accept the torture and murder of George Floyd by Minneapolis police officers. We will not forget the police killings that, in recent years, took the lives of so many African-Americans including Eric Garner, Sandra Bland, Laquan McDonald, Tamir Rice, Alton Sterling, Breonna Taylor, Freddie Gray, Rekia Boyd and Walter Scott.
Now is the time for real police department reform. Every death of a person held in police custody must be investigated by the U.S. Department of Justice. Every police officer involved in a killing must be held accountable, and those found guilty must be punished with the full force of the law.
Now is the time for real criminal justice reform. We must invest in our young people in jobs and education. Not more jails and incarceration. We must end the disgrace of the United States having more people in jail than any other country on earth — disproportionately Black, Latino and Native American.
Now is the time for real health care reform. It is a tragedy that, in the last several months, 40 million Americans have lost their jobs. It is totally absurd that many of them are also losing their health insurance. We are the only major country on earth that ties health care to employment. That irrational and dangerous policy has got to end. The time is long overdue for us to understand that health care is a human right, not an employee benefit. Are the unemployed less in need of visiting a doctor or a hospital than those who have jobs? Are they less likely to come down with the coronavirus, cancer, heart disease or mental illness? Whether the insurance companies like it or not, the absurdity of tying health care to employment must end. We need Medicare for All.
Further, as Americans are painfully aware we pay, by far, the highest prices in the world for prescription drugs. While the pharmaceutical industry makes tens of billions a year in profit and gives their CEOs exorbitant compensation packages, one out of five Americans are unable to afford the medicine their doctors prescribe.
That situation is likely to become even more grotesque. Right now, the federal government is providing billions to major drug companies as they search for a COVID-19 vaccine. Fine. But, as of now, there is no assurance from the government that the new vaccine will be delivered free to the American people, the people who are paying for the research. Unbelievably, we may well end up paying for the vaccine twice. First, through research funded by our tax dollars. Second, when we purchase the product. And that means that if you have the money for the vaccine, you can stay well and stay alive. If not, well, good luck. That is not an acceptable approach. The vaccine, when it is developed, must be free to all.
Now is the time for real economic reform, and an economy that works for all and not just the few. The current crisis has not only revealed the cruelty and the dysfunctionality of our health care system, it has also shown us the extraordinary inequities in our economy. In America today half of our workers live paycheck to paycheck. Not surprisingly, it turns out that when you have nothing in the bank and your existence is dependent upon your last paycheck, and that paycheck ceases to come, you go from poverty into desperation. Hunger, because there's no money for food. Homelessness, because there's no money for rent. Sickness, because there's no money for the doctor.
What the pandemic has taught us is that a relatively low unemployment rate, which is what we had before the current crisis, does not constitute a "great" economy, and does not adequately guarantee for the security and well-being of working families. When tens of millions of workers earn starvation wages, that is not a "great" economy. When 40% of the people in our country do not have the savings to pay for a $400 emergency, that is not a "great" economy. When over 500,000 Americans are homeless and 18 million families spend at least half their incomes on housing, that is not a "great" economy. When 87 million are uninsured or underinsured, that is not a "great" economy.
At a time of massive unemployment, starvation wages and enormous unmet needs, we need a federal jobs program that guarantees employment for all who are able to work. We can create millions of good-paying jobs by rebuilding our crumbling infrastructure, transforming our energy system away from fossil fuel into energy efficiency and sustainable energy, building the 10 million units of affordable housing we need, educating our kids and expanding access to health care.
Right now it is up to us to envision what kind of country we want to become, which is why I am asking you directly:
Add your name to say you are committed to our fight for racial justice, economic justice, social justice and environmental justice and to call on Democratic leadership to adopt a strong progressive agenda.
In my view, the great lesson to be learned from this terrible moment in American history is that we cannot rely on unfettered capitalism to protect us. The rich, the powerful and wealthy campaign contributors are doing just fine. Too many others are being left behind, struggling hard just to survive. The question now is whether, as a nation, we will finally learn that lesson and make the bold changes we desperately need in order to become a more just society.
In the richest country in the history of the world we need strong policies to ensure that every man, woman and child has a decent standard of living. We must understand, as President Franklin D. Roosevelt did 80 years ago, that when we talk about "freedom" we are talking about economic rights as human rights.
What does that mean in specific terms? It means that:
We must end starvation wages in America. People cannot live on $7.25 an hour, or $10 an hour or $12 an hour. We must raise the minimum wage to at least $15 an hour, make it easier for workers to join unions, and guarantee a good-paying job to everyone who is able to work.
We must end our wasteful and dysfunctional employer-based private health insurance system and move to Medicare for All. The function of a rational health care system is not to provide huge profits for the insurance companies and the pharmaceutical industry. It is to provide high-quality health care to every man, woman and child in this country in a cost-effective way.
We must fundamentally alter our approach to education. We need a universal, high-quality, affordable childcare system. We need to adequately fund public education so that every school district in the country, regardless of zip code, is able to attract high-quality teachers and provide reasonably sized classes. We need to make public colleges and universities tuition-free and cancel student debt.
I realize that some people will say that these ideas are "radical" or "utopian" — never to be accomplished. I disagree.
Here is what Nelson Mandela said about transformative politics. "It always seems impossible until it is done." This from someone who walked out of a prison cell after 27 years to become president of South Africa and end apartheid.
The great opposition we face to progressive and humane change in our society comes not just from Wall Street, the insurance companies, the pharmaceutical industry, the fossil fuel industry, the military-industrial complex, the corporate media or the enormous wealth and power of the 1%. It also comes from the limits of our imagination.
If we believe that real, fundamental change is impossible, it will never occur. If we believe that justice — economic justice, social justice, racial justice and environmental justice — is unachievable, it will never be achieved.
In this very difficult moment for our country and the world, now more than ever, we must stand in solidarity in the fight for a new and better society. Despair is not an option. This struggle is not just about us. It is for our children, future generations and the survival of the planet.
Let us go forward together.
In solidarity,
Bernie Sanders

NEED OF PRECISION AND PERSONALIZED THERAPY OF COVID 19
                                                                                           

02 06 20 - After the article of Lancet on idrossiclorochine  the confusion is total
as you can read from some extract below:

"There is currently only one treatment that has shown promise against COVID-19 in a rigorous clinical trial and that drug, remdesivir, is in short supply and must be administered intravenously over several days, typically in a hospital.
In the early days of the pandemic, which has now killed more than 350,000 people, many were hopeful that hydroxychloroquine, a relatively cheap and widely available drug, might offer some benefits.

Safety concerns
Researchers have been waiting for results from a number of randomized, controlled clinical trials testing hydroxychloroquine as a COVID-19 treatment.The Lancet study was not based on such trials. Instead, it was an observational study cataloguing the effects of hydroxychloroquine in about 96,000 patients hospitalized with COVID-19 around the world. The study found the drug had no benefit, and instead found a worryingly higher mortality rate among those who received it: 18%, compared with 9% in those who did not…...
Increased deaths?
But some remain sceptical about the study’s conclusion that hydroxychloroquine is a safety risk to some people with COVID-19. Smith says that he and his collaborators have analysed the data that are available and concluded that patients who received hydroxychloroquine in the study were often sicker in the first place than those who did not. Daniel Freilich of Bassett Medical Center in Cooperstown, New York, says that he has independently analysed the data and come to the same conclusion.
But Mehra says that his team accounted for those differences and still found a small difference in mortality. Furthermore, he says, his study merely highlights an association between the treatment and increased death, but because it is an observational study and not a clinical trial, it cannot exclude the possibility that other factors may have contributed to that difference in mortality."
WHAT TO DO?
It's possible to look to personalized precision therapy with MERIDIANTECH  www.iiimb.me     We are looking to make a large European Project on EARLY RAPID AND DYNAMIC DIAGNOSTICS AND PERSONALIZED,
PRECISION THERAPY FOR CHRONIC CARDIORESPIRATORY  NEURODEGENERATIVE  AND INFECTIOUS DISEASES OF THE
AGED WITH MERIDIANTECHNOLOGY (MT)
Project Idea in response to EU Horizon 2020 call  Horizon 2020 ID: SC1-DTH-02-2020

https://ec.europa.eu/info/funding-tenders/opportunities/portal/screen/opportunities/topic-details/sc1-dth-02-2020 .
May be it will be useful to  try to improve our capacity to use the drug  against COVID-19  and in other CHRONIC DISEASES .
WE WILL TRY TO DO IT.
IT'S NOT EASY CHANGE, LOOK AND SEE SOMETHING OF STRANGE FOR US, ALSO IF COULD BE USEFUL FOR A PERSONALIZED  THERAPY, AND VERIFY MANY NARRATIVE AND CASE REPORT THAT ARE VERY PROMISING AND THAT NEED CONTROLLED TRIAL AND MORE DEEP BASIC SCIENTIFIC DEVELOPMENT.
 
GERMAN, ITALIAN, FRENCH UKRAINIAN,  UK, SCIENTIST AND OTHERS TOGETHER ...
WE ASK FOR COLLABORATIONS TO ALL INTERESTED.
RISK BENEFITS RATIO COULD BE IMPROVED 100.000 DEATH IN USA for years are too much (INCREASED TRAGICALLY  BY COVID-19 )
..and in Europe ?

We can and must do more to explore any possibility...from the LESSON e f Past

To give a chance also for the future of science and technology mix with Orientale tradition in MERIDIATECHNOLOGY

Campi Bisenzio 2 June 2020 Vincenzo Valenzi
Festa Nazionale della Repubblica Italiana che ci ha reso tutti più liberi e uguali e responsabili del nostro destino

VIRAL MISINFORMATION BETWEEN MARKET AND WAR
The epic battle against misinformation
As do epidemics, false information and conspiracy theories have their ‘superspreader’ moments. COVID-19 is “the perfect storm for the diffusion of false rumour and fake news”, says data scientist Walter Quattrociocchi. People are spending more time at home, and are searching online for answers to an uncertain and rapidly changing situation. “The topic is polarizing, scary, captivating. And it’s really easy for everyone to get information that is consistent with their system of belief.”
We must agree with NATURE report that observ and suggest also that:
Social-media platforms must “combating fraud and misinformation about the virus”.
Of couse in this analysis , it’s also clear that some doubt in public opinion are alimented also from some mistakes in the work of autorities
„That sentiment could grow if public-health authorities don’t inspire confidence when they change their advice from week to week — on facemasks, for example, or on immunity to COVID-19. Some researchers say the authorities could be doing a better job at explaining the evidence, or lack of it, that guided them“.
It’s a few confident also when people of WHO as Ranieri Guerra make millantato credito of position presenting himself in TV as DIRETTORE VICARIO OF WHO https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3411914688822892&id=100000131826854
He was protagonist also,as director of Prevention Departement of Ministery of Health in Rome, of the war strategy on Morbillo epidemy in London that was developped by Ministry Lorenzin in Italian TV with 470 people death in london for Morbillo invented totally by strategist of misinformation of war https://youtu.be/gSasDe-Xf9o .
So it will be good cleaning some bad attitude in our leadership, that don’t inspire confidence, but aliment worried about the sense of certaine activity in the mainstream.
COVID-19 pandemy is a great menace for our society and we need to be better, to defait the virus and learn how prepaire our society to avoid for the future new pandemic crisis and protect Public Health.
·        The vaccine R&D and commercialization must come back to Public Governemnt. No business in this basic area of prevention and Public Health.
·        New research on air pollution and on the role of climate and season on viral infections could be useful to evaluate the return tot he Old Climatotherapy of infectiose disease as for the past of Tubercolosys http://www.iiimb.me/files/UNO-1-TROFIMOV,VALENZI-solar-activity--metheoropaty-and-covid-19--1-.pdf .
·        After the last trouble on idrossiclorochine ecc. it’s essential develop the personalized precision therapy, using the new tools from pharmacogenomics and may be from pharmacoelectrodynamics, if the result of new large international trials in preparation will be positive http://ibb.kpi.ua/article/view/140255
·        ECC. ECC. ECC. SIEROTHERAPY, ANTIVIRAL, ELECTROMAGNETIC TREATMENT ECC.
We hope to join the effort of people to any level aware that SI PUO‘ FARE DI PIU‘ https://youtu.be/qd26426Rfsg
Prato 28 May 2020 Vincenzo Valenzi
CORONA VIRUS SECONDA FASE: CHE FARE (9)
Aver perso il conto con i numeri del CHE FARE, non appare un grande segno, nel mentre il disordine è grande sotto il nostro cielo, senza poter trarre la conclusione del vecchio leader cinese che va tutto bene.
Come si era pensato e suggerito dall’inizio della crisi della corona virale 19, anche sulla base della saggia scelta dei cinesi della valle del Bisenzio, che si erano trasferiti in massa sulle montagne dell’Abetone, allarmando un sindaco locale che si era messo a caccia di gente che affittava case e soggiornava in Hotel da più di sei giorni, mentre con l’avvio del cosiddetto Lock down gli italiani venivano confinati nelle loro case nelle città inquinate, https://www.ilmattino.it/primopiano/cronaca/la_pianura_padana_vista_dal_satellite_e_l_area_piu_inquinata_d_europa-4538498.html mentre le seconde case di montagna o di mare venivano isolate ermeticamente da  decreti e blocchi di polizia che impedivano gli spostamenti verso zone di pregio ambientale che, come si è poi calcolato in una statistica post mortem, avrebbero potuto salvare circa la metà delle persone poi morte, a quanto pare anche per una spintarella dall’inquinamento in particolare nella valle padano lombarda  https://www.lastampa.it/tuttogreen/2020/05/21/news/il-coronavirus-uccide-il-doppio-dove-l-aria-e-piu-inquinata-1.38858183?ref=fbpp
Mentre si riabilitavano vecchi farmaci come la idrossiclorochina per la malaria  e il BCG per la tubercolosi, non si è voluto prestare attenzione al farmaco meno costoso e alquanto efficente, come si legge tra le righe dello studio europeo sulla qualità dell’aria nell’eziopatogenesi e nelle statistiche del COVID-19, la vecchia è sempre presente climatoterapia, che fino agli anni 50-60 era uno dei capisaldi della terapia medica e che forse è da riconsiderare meglio in uno studio europeo in programmazione, anche alla luce delle ricerche  francesi di Razzouk a Briançon e quelle ucraine di Berevzosky sui Carpazi, che dimostrano, ancora non in maniera definitiva, la potenza dei climi terapeutici nella partita contro le patologie croniche, allergiche virali  e asmatiche del sistema respiratorio e non solo  https://www.vglobale.it/?s=climatoterapia
Si è osservato anche in Italia come anche  numerose località dell’Appennino fossero protettive contro l’aggressività del COVID-19, dal piccolo comune di origine del virologo televisivo Roberto Burioni, Casteldelci (Rn),  che ha disdegnato un ruolo del clima del borgo natale, nella resistenza al virus, confermato invece dal novasettenne omonimo non scienziato Giovanni Burioni https://youtu.be/QlGeqli56PA , come anche i dati di Poli, borgo  dei Monti Prenestini, dove Mario Spallone aveva costruito il suo gioello di clinica e dove l‘impatto del COVID-19 sulla residenza per anziani è stato limitato, vicino a zero, come si era osservato anche nel passato con altre epidemie come la peste del Seicento e la tubercolosi fino al recente passato https://www.comune.poli.rm.it/c058078/po/mostra_news.php?id=276&area=H
Riattivare i centri di climatoterapia sulla base di nuove ricerche da fare in breve tempo è una cosa possibile e da riconsiderare.
Per quanto concerne la diagnostica e la terapia antivirale stretta, come è noto affrontiamo una fase difficile e quasi confusa (cosa poco rassicurante per tutti ..) come si evince dalle querelle sull’uso e l’applicazione dei titoli anticorpali  anche nelle province autonome del nord  e come mirabilmente  riassunto da NATURE in un articolo di ieri
https://www.nature.com/articles/d41586-020-01451-0?utm_source=Nature+Briefing&utm_campaign=e3a766c5ad-briefing-dy-20200521&utm_medium=email&
Sulla terapia qualche delusione sembra venire dall’idrossiclorochina associata all’azitromicina
Le conclsioni dello studio newyorkese  anche se parziali parlano chiaro
Conclusions and relevance: Among patients hospitalized in metropolitan New York with COVID-19, treatment with hydroxychloroquine, azithromycin, or both, compared with neither treatment, was not significantly associated with differences in in-hospital mortality. However, the the interpretation of these findings may be limited by the observational design.interpretation of these findings may be limited by the observational design.
Un fiammella nel tunnel potrebbe accendersi se si riuscirà a varare un ampio trial internazionale sulla diagnostica bioelettromagnetica del COVID-19  e ancor più dalla speranzosa terapia personalizzata di precisione con MERIDIANTECH che pare se confermata dalle ricerche in programmazione, possa aiutare a realizzare anche per il COVID-19 la possibilità di realizzare una terapia su misura del paziente selezionando i farmaci che dovrebbero potenziare il sistema immunitario, regolare l’infiammazione e depotenziare e magari uccidere il COVID-19.
Decenni di esperienza e di narrazioni ci suggeriscono che potrebbe potersi fare, e ci apprestiamo a verificarlo in questo studio controllato in gestazione, MERIDIANTECH&COVID19, che ha visto già l’adesione di gruppi austriaci, francesi, tedeschi,  italiani, indiani, ungheresi.
Si può fare di più .. senza essere eroi, come recitava il Morandi buono (non quello di Genova..)

Prato 22/05/2020 Vincenzo Valenzi
HEALTH AND WEALTH FOR ALL... IT'S POSSIBLE NOW

Dear Bernie
It's very sad read about the critical situation of millions of americans (the Country more rich in the world…) that haven't chance to care their health in this  Corona virus  Pandemy, as also the  poor african country. As you know in Italy, with a lot of problems, we continue to assure Healt Care for all.  It was the Heritage of socialist and democrat work associate, that realized the Health reform with the great Minister Tina Anselmi  https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3403331176347910&id=100000131826854
I hope that the next Governemnt in White House could learn by Reform of Health System in Italy lead by visionar democrat and socialist together.

While will be necessary assure the freedom of market and the great industrial  production, the lesson of COVID 19 PANDEMY, TEACH US THAT WE MUST PAY ATTENTION TO PUBBLIC HEALTH   and to environmental protection, in a cooperative vision of production and participation of workers to direction of company  and sharing of profit in the public company model.
It's not sage and it'snt just that we have people that gain bilion of dollars from the work of milion of producer that haven't  chance to live and care of their health  today  with the PANDEMY.

IN THIS DIRECTIONS IT WILL BE USEFUL LOOK WITH ATTENTION TO THE GENEROUS EFFORT OF BILL GATES THAT TRY TO  MAKE SOMETHING OF IMPORTANT FOR PUBBLIC INTERNATIONAL HEALTH, of course with some mistakes that could be corrected.

Waiting the  new vaccine for COVID 19, (that will must efficace as for Polio,  and safe of course and it's not easy to do,  as the history of vaccine for HIV teach us), we must look to boost in some way the power of Immunosystem against the virus and develop the best therapy to contrast COVID 19.  Many researches are on development around world wiht hundred drug in sperimentation.
We are looking to implement the power of old and new drug,  testing some COHERENT MODEL to select the drug and others Biological Active Subastences  http://www.iiimb.me/meridiantech.html .

We hope to help with this biotech device, MERIDIANTECH, for early diagnostics of COVID 19 (in 15 minutes diagnostics to be verified with the tampon and antibody IgM and IgG test),and also to develop personalized precision  therapy that could improve RISK/BENEFITS RATIO AND MAY BE ALSO COST/BENEFITS RATIO OF MEDICAL THERAPY with
More than 100000 Americans that for side effect of drug die every year Lazarou et al. JAMA 1998; 279:1200–1205.
We are ready to launch an international controlled  trial. We hope that  many scientist, Gouvernement; mecenate, could join us to realize a great experiment that could  help, if the expected results will be confirmed from trial, the medical community and the public Health system to defait the corona virus and improve the  management of  chronic diseases.

It's an International obiective, so we hope that we could join our efforts to any level, to overcome this crisis that menace our society and our life.

Prato 20 May 2020 Vincenzo Valenzi
www.iiimb.me


Il giorno mer 20 mag 2020 alle ore 00:18 BernieSanders.com <info@berniesanders.com> ha scritto:

Vincenzo -

Never before has it been clearer that our current health care system is a total and absolute disaster.

Before the pandemic and economic meltdown, 87 million Americans were uninsured or underinsured despite our country spending twice as much per capita on health care as the people of any other nation. Now, of course, with millions of workers losing their jobs, the number of uninsured has greatly increased.

Unbelievably, there are people in our country today who have coronavirus symptoms, but are unable to seek medical help because they can't afford the costs. How crazy is that!

Our movement understands that access to health care is a basic human right, not an employee benefit. And while we continue the struggle for a Medicare for All, single-payer program, that fundamental principle must be part of any new Senate legislation addressing the pandemic.

We cannot live in a nation where the rich receive all the health care they need, but if you are poor or working class you are out of luck. In the wealthiest country in the history of the world, that is an international embarrassment. And during the horrific pandemic that we are facing right now, the dysfunction of our current health care system has never been more clear.

During this crisis, nobody in America should delay getting medical help because of the cost.

That is why Bernie recently introduced legislation — along with Senators Gillibrand, Booker, Warren, Markey, Merkley and Harris — called the Health Care Emergency Guarantee Act. This legislation would allow the federal government to cover all medical treatment costs for as long as this pandemic lasts.

As the Senate prepares to pass the next coronavirus relief package, it is important that we show there is widespread support for Bernie's bill.

Add your name to say you support Bernie's legislation — the Health Care Emergency Guarantee Act — to cover health care costs for everyone for the duration of this pandemic.

Here is how the Health Care Emergency Guarantee Act would work:

The federal government would pay all treatment costs for the uninsured, and all of the out-of-pocket costs for those with public or private insurance, for as long as this pandemic lasts.

When you go to the hospital or doctor, you'd provide your insurance information as usual. The provider will use this information to bill Medicare — either for the out-of-pocket costs if you have another type of insurance, or for all of the care if you are uninsured. As a patient, you will not be charged anything.

This would be in effect until there is an FDA-approved COVID-19 vaccine that is widely available to the public.

Health care providers must halt all medical debt collection during this pandemic.

There would be a limit on prescription drug prices so that those without insurance receive them at no cost, and the federal government would pay the same rate for prescription drugs as the VA.

The Secretary of Health and Human Services would be required to collect and report data on COVID-19 health disparities based on race, ethnicity, primary language, gender, sexual orientation, disability status, age, geographic location, health insurance status, and socioeconomic status.
As we face the disastrous health crisis created by the coronavirus pandemic, we must provide health care to all in a cost-effective way.

That is what Bernie's legislation will do, and today he is counting on all of us to show there is strong support for this bill.

Add your name in support of the Health Care Emergency Guarantee Act that will provide health care to everyone at no cost during this pandemic.

This legislation is supported by a large coalition of grassroots groups, including SEIU, the Association of Flight Attendants, National Nurses United, Center for Popular Democracy, National Domestic Workers Alliance, Indivisible, and many others. In the House, it is co-led by Congressional Progressive Caucus co-chair Pramila Jayapal and Congressional Black Caucus chair Karen Bass.

Together we will send a powerful message that medical treatment must be available to all at no cost for as long as this crisis lasts. Thank you for adding your name.

In solidarity,

Team Bernie
MERDIANTech PER CONTRIBUIRE ALLA LOTTA CONTRO COVID19

Nella sempre più accesa discussione sull’eziopatogenesi della malattia da Corona Virus, contributi di rilievo vengono dal fronte lombardo che ha iniziato a tentare di decifrare le poliedriche forme patologiche, tanto da spingere Fabio Corsi dell’Università di Milano a precisare che:

“Il paziente muore per diecimila cause, una persona che muore a causa del Covid è per una concausa di patologie che aveva”. Ma gli antinfiammatori servono o no? “Certo, ma in quale fase? Non esistono fasi uguali per tutti. C’è chi in tre giorni purtroppo muore, chi è malato per quindici gironi poi improvvisamente la situazione precipita, chi guarisce. C’è una estrema variabilità. L’importante è capire la finestra dell’efficacia degli antinfiammatori così di ogni altro farmaco. Si sta capendo quando è giusto usare antivirali e antinfiammatori”. Dire che la tromboembolia causa la morte di chi è colpito dal virus, non significa molto, conclude. “La tromboembolia è una delle cause più frequenti di morte. L’incidenza su pazienti positivi è nettamente superiore ai casi normali. Per questo si sta adesso usando l’eparina e si è capito che bisogna scoaugulare tutti i pazienti”.  https://www.ilsussidiario.net/news/coronavirus-come-uccide-tromboembolia-non-e-causa-principale-della-morte/2010195/

Di tale complessità, che disarma tutti i più consolidati protocolli e tentativi di linee guida ne aveva trattato di recente NATURE https://www.nature.com/articles/d41586-020-01056-7  e molti tentativi di trovare farmaci efficaci sono in corso con ben ottanta proposte di sperimentazione di nuovi e vecchi famaci che sono state sottoposte all’AIFA che ne ha approvate 16.

La questione chiave sembra essere e non solo a parere di Corsi, È CAPIRE LA FINESTRA DELL’EFFICACIA DEGLI ANTINFIAMMATORI COSÌ DI OGNI ALTRO FARMACO. Cioè fare la terapia personalizzata di precisione. Che non è mai facilissima da fare e forse in questa tempesta di citochine e non solo, sarà ancora più difficile.

“Forti” di oltre 60 anni di test sui farmaci (aveva cominciato Reynold Voll con il suo pionieristico EAV), e di uno studio aperto (quello in doppio cieco non è mai stato completato per difficoltà molto varie) su oltre 500 volontari presso il Comando Generali della GdF a Roma, ed in particolare degli sviluppi teorici e biotecnologici e bioinformatici nel settore MERIDIANTech, stiamo lavorando ad una policentrica internazionale che vuole contribuire a misurare e monitorare con le MERIDIANTech LA FINESTRA DELL’EFFICACIA DEGLI ANTINFIAMMATORI COSÌ DI OGNI ALTRO FARMACO

Il secondo workshop preparativo di 5 ore  www.iiimb.me   è stato tenuto sabato 18 aprile con l’intervento di medici tedeschi (Michael Bauer, Beate Maul e Louis   NIESTEGGE e  che ci hanno introdotto ad una delle più promettenti MERIDIANTech il sistema PROGNOS di concezione russo tedesca prodotto in Germania, che tra le altre diagnostiche pare sia capace di diagnosticare la presenza di virus respiratori e del COVID-19. Si sta completando il software con la registrazione dei principali farmaci in uso contro le patologie di COVID 19, per guidare la terapia sulla base delle variazioni elettriche, coerenti o incoerenti dei farmaci sui sistemi bioelettrici misurabili sulla cute, lungo i meridiani, alla stregua di un monitoraggio elettrocardiografico per la guida alla terapia delle aritmie ecc.

Di diagnostiche mini-elettrocardiografiche ed HEART RATE VARIABILITY ha parlato Konstantin              APYKHTI dell’Instute of  Gerontology National Academy of  Medical Science of Ukraine per un monitoraggio a casa su una piattaforma di telemedicina dei pazienti COVID-19 di non facile gestione casalinga, viste le implicazioni di prevenzione del contagio che ne comportano un significativo isolamento domiciliare.           

Madan Thangavelu genetista molecolare di Cambridge, e Vincenzo Valenzi hanno trattato della sfida farmacogenomica e farmacoelettrodinamica per vincere la partita con il COVID-19 .
Le ultime 4 relazioni sono visibili su FB          Le ultime 4 relazioni sono visibili su FB   aperte dall’intervento di Giulio Tarro stretto collaboratore di Albert Sabin e attuale Presidente  della Commissione Biotecnologie della Virosfera, WABT-UNESCO di Parigi, e   che dal posto di primario del Cotugno di Napoli ha gestito  il Colera di Napoli e il MALE OSCURO, che poì scoprì trattarsi di un aggressivo virus respiratorio sinciziale. che aveva scatenato la bronchiolite che aveva ucciso oltre ottanta bambini  https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3382564095091285&id=100000131826854

Il prossimo workshop, il terzo, è in programmazione per venerdì alle 15.  Si auspica per la prossima settimana di avere i dispositivi MERIDIANTech  nei CENTRI DI RICERCA DEL COVID19 che stanno aderendo al progetto (tra India Europa e Africa).

Prato 21 aprile 2020 Vincenzo Valenzi


-------------------------------------------------------------------------

Dear Colleagueas

some scientific development and preparations to support the  contrast to COVID-19 pandemic.
We are preparing a international trial and we are preparing the local team to use MERIDIANTech for  coherent personalized therapy selecting the main drug to kill the virus and support the immunosystem and the perfomance status in the people that are infected.

Vincenzo Valenzi






UN CONTRIBUTO DAL PICCOLO BORGO DI POLI AL COP25 DI MADRID PER UN FELICE RAPPORTO TRA CLIMA E SALUTE.


Chiusura ritardata con coda a Madrid, del COP25, alla ricerca di un accordo internazionale per nuove politiche di salvaguardia del Clima  nel quadro di uno Sviluppo Sostenibile per i Paesi Industrializzati e  di un nuovo sviluppo, istruito  sugli errori dei Paesi a vecchia industrializzazione, per i Paesi emergenti che non vogliono soltanto pagare il conto dei primi con i nuovi certificati verdi https://www.repubblica.it/ambiente/2019/12/13/news/conferenza_sul_clima_a_madrid_si_tratta_a_oltranza-243422725/

Il problema riguarda da vicino l’Italia alle prese con la chiusura del Altoforno 2 dell’ILVA di Taranto per ordine del Giudice, con Roma alle prese con discariche e termovalorizzatori  che tutti vorrebbero nel giardino altrui, e mille altre situazioni che vedono lo smantellamento del sistema industrial e che fu ricordiamo per tutti,  la quarta potenza economica mondiale negli anni Ottanta.

COP 25 alla prese  con un riscaldamento del clima terrestre e con manifestazioni teatrali (ma purtroppo neanche troppo) come l’acqua alta di Venezia, che si vorrebbero imputare alle scelleratezze  mercantili umane, troppo accecate dal profitto e debolmente  governate da Autorità Pubbliche ripiegate troppo spesso sulle pressioni delle lobby grandi e piccole, che non sono facili da contenere né dai vecchi né dai nuovi governanti, in Italia e altrove.

Situazione che ha sollecitato la gioventù a tentare di riprendere in mano  come cittadini sovrani, il destino delle nostre società dopo una lunga assenza come autocriticamente rilevano le leadership emergenti delle Sardine italiche che oggi hanno dato una imponente prova di partecipazione a San Giovanni dopo che i giovani a Madrid hanno segnato con la giovane leader Greta  le giornate del COP 25. La Stella Polare di tutti oltre alla difesa delle quote di mercato (ILVA tenterebbe di Docet ma parrebbe non riuscirci), la scienza e i gridi di allarme degli scienziati del clima in particolare.

Secondo una parte della Comunità scientifica le colpe del disastro in corso sarebbero umane (la CO2, l’Inquinamento Atmosferico, ecc.ecc). Certamente per Venezia si é trattato più che altro di un evento ciclico legato alla gravità Lunare, come accadde già nell’Ottocento e negli  anni 50.

Per quanto riguarda i cambiamenti climatici un ruolo umano c’è, ma sarà utile ricordare che siamo una parte infinitesimale dell’Universo e che gran parte delle dinamiche climatiche derivano dall’attività solare e dal Cosmic Weather, che è stato i primi di ottobre al centro della settimana di scienza in Crimea alla Conferenza COSMOS AND BIOSPHERE http://biospace.cfuv.ru  UNA PROPOSTA DELL’ASTROFISICO DELLA CRIMEA BORIS VLADIMIRSKY DI FARE UN BOLLETTIN BIOMETEROLOGICO E COSMOLOGICO PER MONITORARE GLI EFFETTI SULLA SALUTE E SUL CLIMA A TERRA DEL CLIMA COSMICO  è stata rilanciata nel corso del convengo di Poli del 30 novembre sui DAI CLIMI URBANI INQUINATI AI CLIMI TERAPEUTICI  DEI PICCOLI BORGHI. Tra le altre proposte emerse è un progetto di ricerca per valorizzare il potenziale terapeutico dei piccoli borghi che hanno una grande storia  che condividono con tutta la rete di STAZIONI CLIMATICHE TERAPEUTICHE DI CUI E’ PIENA L’ITALIA E L’INTERA EUROPA (IN PRIMIS BRIANCON A 12 KM SUL CONFINE ITALIANO DOPO CLAVIERE (più “famoso per i rientri  dei migrantI che entravano in Francia dal passo del Monginevro).

Alleggerire le grandi città superaffollate e superinquinate e delocalizzare DECINE E CENTINAIA DI migliaia di bambini allergici e di adulti con asma severo, Multisensibilità chimiche, e altre malattie da inquinamento urbano,  in località di grande pregio climatoterapeutico opportunamente ristudiate,  secondo il programma di ricerca emergente dal convegno di Poli, per  creare le basi per un programma comune di ricerca di ampio respiro che dia risposte globali alla valorizzazione dei Climi rurali collinari e montani oltre che  marini, che

potrebbero favorire il rilancio delle aree interne oggi abbandonate  con i borghi che vanno diventando sempre di più  villaggi fantasma, mentre nelle città per pagare un affitto non basta lo stipendio precario di troppi giovani che non possono neanche mettere su famiglia. Misure già realizzate con successo su impulso di Hassan Razzouk a Briancon che potrebbero essere replicate in centinaia di località montane e rurali di pregio climatoterapeutico come Poli https://www.vglobale.it/2019/11/27/clima-e-salute-le-rinnovate-frontiere-delleconomia/ .

Mentre si pensa a ridurre le emissioni (cosa non facile  come si apprende da Madrid), con un colossale progetto di riconversione del sistema industriale ed energetico globale, da fare con giudizio, senza buttare via   il bambino con l’acqua sporca, si potrebbero considerare  misure di protezione dei malati e dei predisposti che si potrebbero dislocare nelle aree montane e rurali rilanciandole e ricreando un sistema di protezione del territorio  anche contro i troppi incendi che stano facendo danni incalcolabili dall’Amazzonia alla California dalla Siberia alla Liguria . Tra passare la vita in ospedale con la bombola del l'ossigeno al seguito e trasferirsi a Briancon molti hanno già scelto la seconda via come i bambini che si sono trasferiti nelle scuole  d'infanzia e al Liceo climatico della cittadina francese alpina. Si può fare di più.


Prato 14 dicembre 2019 Vincenzo Valenzi

L'ALLIEVO DI SABIN GIULIO TARRO, IN UNA INTERVISTA SI DOMANDA:


VACCINI: TUTTO RISOLTO?
Un contributo alla riflessione sulle vaccinazioni e sulla riforma scomparsa  della legge guerra lorenzin...e sulla scienza


Global News

Un Award che è una festa della scienza
                   
Di
Vincenzo Valenzi
-
I vincitori dell’Award Benveniste 2019 alla Conferenza Cosmos and Biosphere in Crimea. Un riconoscimento che continua da 12 anni
Da 12 anni vengono assegnati durante la Conferenza internazionale di Crimea Cosmo e Biosphere gli Award Benveniste che, in quella che fu l’Unione Sovietica spesso contribuiscono alla carriera accademica dei vincitori (che sono dei leader scientifici) sì da ascendere alla direzione di dipartimenti e anche di Università come Elena Chuyan Vice Rettore dell’Università della Crimea e Victor Martyniuk Vice Rettore dell’Università Nazionale di Kiev.
Si comprende la tensione e l’impegno nei lavori della conferenza che come si è potuto apprezzare dai lavori presentati sono tutti di altissimo livello scientifico. Come ho avuto modo di dire nel discorso di assegnazione degli Award pressoché tutti i relatori sono stati uno spettacolo di scienza, giovanissimi e ultra novantenni come Borys Vladymirsky dell’Osservatorio Astrofico della Crimea.
I mezzi scientifici non mancano da quelle parti come si è potuto apprezzare nel corso della visita ai laboratori del Centro di Magnetobiologia diretto da Natalia Temuriansky che ci ha lasciato due anni fa lasciando una grande eredità che si vede e dell’Osservatorio Astrofisico della Crimea uno dei più grandi d’Europa come la cura per la storia e dei libri antichi che sono condivisi e accessibili gratis a tutti gli studenti in formato digitale, perché senza passato non c’è futuro.
In questo contesto emergono i lavori degli scienziati che dalla Crimea a Novasibisrsky a San Pietroburgo hanno visto i vincitori dell’Award Benveniste (vedasi protocollo del Comitato dei selezionatori) emergere, tra vecchie Glorie della scienza come Alexander Trofimov tra i più volitivi e pindarici studiosi del rapporto tra Cosmo e sistemi biologici e la parte più alta e complessa di questi che è il sistema cervello-coscienza-mente, mentre Tarashchuk V. P. con i suoi studi su The Dynamics of the Crystallization in Fitzroy Retort (Stormglass) and Cosmic Weather – New Data continua da oltre 20 anni a osservare il comportamento di 9 Storm Glass a fronte di eventi atmosferici locali e cosmici che determinano la precipitazione nella soluzione e forse anche nei nostri tessuti con il calcio, gli acidi urici e anche e sistemi più sensibili come quelli che producono trombosi ed infarti che si potrebbero predire e forse un domani prevenire.
Studi profondi sulla Pain Sensitivity Rats at the Combined Action of Low-Intensity Millimeter Electromagnetic Radiation and Electromagnetic Shielding. Sono stati condotti dall’altra vincitrice dell’Award Benveniste Dzheldubayeva E.R. (V. I. Vernadsky Crimean Federal University, Simferopol, Crimea, Russia).
L’ultima Awardata Stupishina O.M. (Saint-Petersburg State University, Saint-Petersburg, Russia) ha focalizzato l’attenzione su The Finding of Cardio-Events Environmental Conditions, che mette in luce come gli studi italiani di Messini Ciammaichella e della Scuola Fiorentina sulla correlazione tra variazione climatiche e infarti siano da continuare.
Tra i lavori italiani inviati alla conferenza va segnalato quello di Paolo Bellavite e colleghi che si trovano di fronte ad un esercizio di potere da parte di una rivista scientifica che sono riuscite a fare peggio di quello che fece «Nature» con Benveniste quando affermò nell’editorial reservation che i fenomeni osservati nell’esperimento di Benveniste erano fuori dalle leggi della fisica.
Con grande modestia Vincenzo Valenzi con il fondamentale contributo di fisici teorici e sperimentali, da Preparata e Del Giudice a Widom e Srivastava, da Trukan a Scalia, ha cercato di mostrare come le leggi della fisica, della legge di Ohm e della legge della Potenza, regolate da influenze elettromagnetiche e quantistiche ben documentate dagli esperimenti di Bhom e Arhonov, da quelli di Josephson a quelli di Zhadin, siano in grado di spiegare i fenomeni osservati nell’esperimento di Benveniste e buon ultimo nell’esperimento di Bellavite, oltre a molte altri fenomeni che possono aiutare a capire l’azione a distanza dei farmaci allopatici e omeopatici ecc., grazie al segnale molecolare che come una chiave informatica di un hotel è in grado di attivare funzione di aperture e chiusura dei sistemi come la porta delle camere dove siamo a Mosca ad esempio mentre a Sinferopoli avevamo la classica chiave-serratura di Monod.
Più che fare polemiche, scomuniche, sarebbe utile fare esperimenti e confronti scientifici anche duri. In gioco non solo il potere e la vanità del potere umano e accademico, ma la conquista della conoscenza decisiva per il nostro mondo, sempre più ricco potente e imbrigliato e soffocato negli effetti avversi del nostro successo, con solo negli Usa centomila morti per reazioni avverse ai farmaci che potremmo ridimensionare di molto almeno quelli con poco, come emerge dalle evidenze farmacoelettrodinamiche che andranno studiate più e meglio per realizzare un superiore rapporto Rischi Benefici nella terapia di precisione personalizzata che oggi si può fare ma va ovviamente validata (o invalidata ovviamente ) in ampi studi controllati che furono affogati al Comando Generale della Guardia di Finanza 20 anni fa con il ritiro dallo studio dei colleghi che dovevano fare il controllo nel doppio cieco.
Al cielo piacendo anche per queste linee di ricerca, pare che il tempo stia venendo per essere verificate e messe a disposizione dei medici e dei pazienti che si affidano alla scienza e ai medici con una speranza che non dovremmo tradire.



I celiaci attendono risposte
                                  
                    
Di
R. V. G.
-
13 Ottobre 2019

C’è tutto un fermento scientifico attorno a celiachia, fibromialgia e metodi di cura. Ma il nodo si scioglie con il confronto scientifico non con anatemi e simili. L’incontro a Campi Bisenzio e il prossimo a Firenze. Che succede all’estero
Dopo Inter Juventus, pare che nuove partite non calcistiche stiano prendendo le prime pagine e le prime serate italiane e non solo: le partite «scientifiche» contro le fake news varie contro cui è in campo, sempre più agguerrito, Roberto Burioni, da Che Tempo Fa, a RaiTre. Ma sull’altro fronte, quello della ricerca che osa, che vuole sperimentare, che insegue le verifiche e si pone domande scientifiche, si continua con incontri come quello di Campi Bisenzio su Celiachia e Fibromialgia.
Eppure, sarebbe utile, fra colleghi, cercare di capirsi e confrontarsi piuttosto che aprire fronti cercando di influenzare ad esempio il Senato per bloccare un incontro autunnale sull’Omeopatia.
Eppure stiamo parlando di metodi di cura che si possono deridere ma che sono utilizzati da milioni di persone, migliaia di medici e rimborsati dal Sistema sanitario francese su cui molto tranquillamente discutono in Parlamento senza vergogna.
E c’è anche la celiachia, che tira in ballo i metodi di coltivazione del grano, i tipi di grani e che affligge centinaia di migliaia di persone alle quali bisogna dare risposte e cure.
E piuttosto che scagliare anatemi, si potrebbe approfondire e avere menzione delle Equazioni di Maxwell, dell’Elettrodinamica quantistica coerente, dei Domini di Coerenza dell’Acqua e di come si possano meglio comprendere gli enigmi della celiachia che sono secondi solo forse agli enigmi dell’Omeopatia.
E per cercare di trovare un filo conduttore si potrebbe ascoltare un giovane fisico di Pisa, Francesco Troisi, per aver modo di riflettere sulla scienza che con tanta animosità si vorrebbe difendere.
Della vicenda celiaca, all’incontro, ne hanno parlato della storia e della sua chimico fisica anche il Pediatra omeopata Vat Marashi e il chimico tossicologo Patrizio Carrai.
La Celiachia è una malattia su cui i grandi scienziati della dose smemorati (negano le memorie biologiche ma le usano nei computer e nei loro pur intelligenti cervelli), dovrebbero meditare e studiare forse di più, prima di chiacchierare contro la cosiddetta antiscienza di cui sembrano in vero i paladini, volendo negare il diritto di tribuna e di discutere e anche di fare scienza su fenomeni e principi diffusi da secoli e praticati da milioni di cittadini. E non è un caso che se ne parlerà a Parigi, al Parlamento francese, il 28 novembre 2019. E ci sarà pure il Nobel Luc Montagnier… Mentre a Firenze nella sala del Consiglio regionale, il 18 ottobre ci sarà una lezione magistrale di Gerard Pollack sul Quarto stato dell’acqua.
Ma oltre alla Celiachia ieri a Campi si è discusso di fibromialgia, un altro grande enigma della medicina moderna. Ne hanno parlato un fibromialgico eccezionale Denys Figliuolo che ha raccontato la sua storia su cui stanno sviluppando dei lavori scientifici a Careggi, e Stefano Russo Senior Scientist delle Terme di Montecatini che ha dimostrato dati alla mano come le acque termali non sono tutte uguali e come esse siano efficaci ben oltre il placebo nella fibromialgia e in molte altre patologie croniche artroreumatiche e delle prime vie aeree oltre alla stipsi, che come ha riferito la dottoressa Albina Pisani, trovano dalle cure con le acque e i Fanghi di Chianciano benefici particolari con un meccanismo bioelettrico di cui si è trattato di recente in Crimea a Cosmos and Biosphere.
Successi terapeutici con acque e fanghi guidati con i Sep (Skin Electric Parameters) che ci guidano alla scelta dei fanghi delle acque e non solo.
XIII CONFERENCE OF CRIMEA COSMOS AND BIOSPHERE    http://biospace.cfuv.ru WATER RESEARCHES AND ITS APPLICATIONS IN DAYLY LIFE

- Pisani A., Avino P1., Russo M.V ., Marashi V., Oliverio S., G. Belisario3 , Sperini M2., Scalia M.2 and Valenzi V. I. 2 3 1 Agricultural Deparment Chemistry Unit UNIMOL www.unimol.it 2 Centro Interuniversitario Per lo Sviluppo sostenibile (CIRPS) www.cirps.it   3 Department of Integrative Medicine and Biophysics UNIFEDER www.cimb.me www.unifeder.it
Abstract The battle of water is not only on the desert or strategic areas but also in the science, where  from the last Century a conflict is on the way on the interpretations of the structure, the functions and the role of water in living processuses and in daily life, with many kind of waters, from  the "Acque dei Cesari", that again mantain their role in productions and therapy of cronich diseases as constipation or kidney, liver and  gastrointestinal disorders  (mineral waters as those of Chianciano, Montecatini, Fiuggi, Sepinia, Ferrarelle, Galvanina, San Martino, ecc). “Idroclimatologia Medica” was a great School in Italy and in Europe founded by Prof. Mariano Messini that wrote a huge book edited by CNR in 1950, an authoritative guide of medical science in Italy on the caracteristics and the indications and controindications of mineral water SPAs and climatoterapyc centers in Italy and in the World. Messini worked a long time with Prof. Giorgio Piccardi in the theroretical development about why very low doses of minerals in water could have biological effects, relevant to human health. When Jacques Benveniste war on Water Memory exploded immediately after1988, Madame Carmen Capel Boute wrote an article on CIFA News to say that already Piccardi had worked about the influence of extremely weak “fields” - fluctuant phenomena, atmospheric, local and also cosmic variations, electromagentic fields - on structure and function of water, as whitnessed by his experiments on water activation. Some theoretical development was fostered by Giuliano Preparata and Emilio del Giudice et coll. and recently by Allan Widom and Yogendra Srivastava  et coll.
A wide review of state of researches on water was published by Massimo Scalia et coll.   There is the need to evaluate the role of water in supporting health wellness, avoiding side effects that could be very dangerouse; as showed, e. g., in the case of a woman with rebellious constipation to a historical water for its treatment like that of Chianciano Terme. Apart from the necessary large efforts to investigate toxicology and level of certain chemichal components, another less usual research has to be taken into account: the coherence of water such as can now be obtained by high tech devices to improve safety and also water taste, as it results from some preliminary tests with AQITALY TECH for home, office and Oreca use. The development of a new sensor to evaluate the coherence of water, will be useful for the early control of water quality for safe human use. Finally, it is available an apparatus of advanced electronics, APEC, to test the effects of “coherenced” water on human health, thus subtracting this issue to the empyrean of conjectures or the merely initial level of the interesting evidences up to day experimentally obtained.

References Allan Widom, Yogi Srivastava, Vincenzo Valenzi (2009): “The Biophysical Basis of Water Memory”, International Journal of Quantum Chemistry (Wiley and Sons), Published online May 19, 2009[DOI: 22140] https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1002/qua.22140 Massimo Scalia  et al. (2018): “Some Observations on the Role of Water States for Biological and Therapeutical Effects” Innovative Biosystems & Bioengineering, 2, (3) http://ibb.kpi.ua/article/view/140255  A. Pisani, V. I. Valenzi  , M.C. Lucchetta, M. Grassi, A. Serio P. Avino, M. Russo, A. Fraioli: SEP variations  on subjects with chronic constipation in idropinic treatment.VII  Intern. Conference  “COSMOS AND BIOSPHERE“:1-6/X 2007Sudak Crimea.

- Dopo le bizze della primavera e dell'estate, che ci stanno ferendo il tessuto sociale ed economico europeo alla stregua del Sud Est asiatico e dei Caraibi https://www.vglobale.it/2019/07/12/pazza-primavera-e-folle-estate-se-ne-parlera-in-crimea/ , di cui si parlerà in Crimea a COSMOS AND BIOSPHERE http://biospace.cfuv.ru, L'ALTRO GRANDE TEMA DELLA XIII CONFERENZA, sarà sul ruolo dell'acqua nei processi biologici e le sue dinamiche strutturali e funzionali da cui in qualche modo dipende la vita- Temi scientifici su cui sarebbe bene confrontarsi scientificamente sulla base di logica dati sperimentali e sviluppi teorici.
Cosmos and Biosphere è una buona sede di confronto con le elites scientifiche  di quella che fu l'ex Unione Sovietica,  che come dimostra la Corsa allo Spazio di cui si sono festeggiati in questi giorni i cinquantanni dalla conquista della Luna, non è seconda a nessuno.
Sullo Spazio qualche cosa facemmo anche noi, per studiare le dinamiche dell'acqua  a gravità zero http://www1.adnkronos.com/Archivio/AdnAgenzia/2007/04/30/Cronaca/ACQUE-MINERALI-PROGETTO-BIOMET07-SU-EFFETTI-NELLO-SPAZIO_144101.php e qualche progetto è pronto per approfondirne i significati anche nella  ISS .
Una panoramica sulle applicazioni delle ricerche sull'acqua, anche le più controverse,  sarà discussa in Crimea e in allegato trovate in  sintesi un nostro contributo, che riassume alcune delle grandi linee di ricerca del Novecento che sono attese a ulteriori sviluppi scientifici e applicativi nella vita quotidiana in particolare sulla sicurezza e la qualità e il gusto dell'acqua da bere.
Benvenuti in Crimea dove i Genovesi costruirono una Fortezza ancora intatta a Sudak  nel 1400 e Cavour mando le nostre truppe in una operazione di geopolitica di quel tempo.
La Crimea resta una terra di grande scienza e di splendide vacanze da godere ancora oggi per le sue conferenze e per le sue spiagge molte delle quali ancora attrezzate per la talassoterapia che fa parte del patrimonio medico attuale dell'EST Europa e che sarà bene che ritornino anche nel Mediterraneo 12 mesi all'anno centri di climatoterapia marina e Montana come in Calabria e non solo, come lo furono nel NOVECENTO oggi che le città del Continente sono soffocate dagli inquinanti e dal sovraffollamento a tutti i livelli.

Sant'Arcangelo Trimonte,  21 luglio 2019 Dr. Vincenzo Valenzi


SULLA GIORNATA MONDIALE DELL'AMBIENTE

Caro Frans,
nonostante il sintetico quanto accorato appello del Segretario generale dell'ONU https://youtu.be/mf5YNx5v9I8, vedo una debole reazione in Italia e in Europa alle tematiche imposte dalla GIORNATA MONDIALE DELL'AMBIENTE. Giusto qualche blog e qualche fugace citazione per quello che è il tempa chiave delle passate elezioni europee che hanno visto una ondata verde, che ha risucchiato molti dei voti che erano socialisti, nonostante il tuo titanico impegno anche sui temi dello sviluppo sostenibile.
Forse i più nei media e nelle alte sfere sono distratti dalla situazione italiana, dalle lettere tra Roma e Bruxelles ai limiti della rottura delle relazioni politiche e istituzionali con tanto di prima in assoluta procedura di  infrazione in maturazione  per eccesso di debito e  per mancata crescita, tutto ciò mentre il Presidente Trump opera da par suo per disarticolare il Commercio Mondiale e l'Europa proponendo alle leadership britannica una uscita senza accordo tanto per finire di spaccare l'Europa.
Se il capo dei Sovranisti (che non è Bannon ma Trump) si da da fare per accendere focolai di guerra economica, nuovi dazi e nuovi muri, sull'altare di prima gli americani, analoghe bandiere vengono issate anche da noi in Europa con rischi di pericolosi ritorni al NOVECENTO,  di cui non abbiamo sempre un gran ricordo con un paio di guerre civili (mondiali) che restano nella memoria con i campi di sterminio nazisti e le pulizie etniche (quelle del compagno Stalin non sono state da meno ma appartenevano ad altri deliri e crimini  politici da ripensare criticamente).
Per queste ragioni sarebbe consigliabile uno sforzo del PSE e tuo in particolare per esercitare una maggiore riflessione sul tema dei conti e del debito pubblico e sulle strategie per guidare in modo virtuoso i Paesi con qualche problema tra cui l'Italia.
Una riflessione di qualche interesse la trovi nell'articolo dell'economista Antonino Galloni, che ho coinvolto nel Circolo IT del PSE e che ti segnalo assieme agli altri tuoi colleghi della Commissione Economica per una comune riflessione sulle strategie di crescita e di monitoraggio e contenimento del debito pubblico italiano e non solo.
Ci sarebbero altre riflessioni per la nuova Commissione Europea e per il Parlamento europeo a fronte delle politiche locali non sempre adeguate, e  vorrei approfittare dell'occasione della GIORNATA MONDIALE DELL'AMBIENTE per porle all'attenzione anche del PSE che voglio auspicare prenda vigore sull'onda della tua appassionata Campagna elettorale del 26 maggio:
Facilitare l'uso dei fondi europei per i Paesi meno efficienti come l'Italia (che mediamente ne usano meno del 10% . Questo  è legato anche a vizi nazionali che stanno cercando di superare anche con lo sblocca cantieri, ma qualcosa si deve pensare anche a Bruxelles dove si può e si deve fare di più.
Varare politiche Europee per la salute di interesse comune come la prevenzione delle malattie e le vaccinazioni che vedono grandi differenze nelle strategie preventive in una Europa senza confini, e localmente esposta a lobby pericolose poco contrastate,
A tal proposito una politica comune la vedrei anche per le autostrade, dove passiamo da gratis o quasi in Austria (8 euro per una settimana in un mio passaggio a Graz, a circa 30 euro solo per un  passaggio da Parma a Tarvisio con le autostrade italiane, con degli aspetti sui pedaggi che meriterebbero l'attenzione dell'Autorità europee di controllo, per salvaguardare l'interesse pubblico e dei cittadini (quelle  nazionali sembrano debolucce, anche a fronte dei Ponti  Morandi e Avellinesi, e delle peggiori aree di sosta autostradali mediamente senza acqua e senza servizi igienici e perciò impraticabili di fatto tranne che per fare figuracce in mezzo al parcheggio o dietro qualche albero, e costringere i viandanti a fermarsi nei autogrill  ...).
Per quanto concerne la lotta agli effetti deleteri dell'inquinamento urbano al centro della Giornata di oggi, ho scritto un articolo su VILLAGGIO GLOBALE, che ti segnalo con una proposta di riequilibrio tra le aree urbane super affollate e super inquinate  e le aree rurali e montane abbandonate con alta qualità dell'aria,  che merita forse  un progetto prioritario da parte dell'Unione Europea https://www.vglobale.it/2019/05/30/lo-sviluppo-sostenibile-passa-dalle-allergie/
Ci sono molti altri temi sul tappeto della nuova Europa e del PSE che avremmo modo di sviluppare.
Ovviamente lo sviluppo sostenibile e politiche comuni europee sui vari fronti sono essenziali per fare una Europa che vada oltre i confini che si vanno rialzando pericolosamente. Durante la campagna elettorale sei  emerso un grande leader socialista europeo, di un Partito Socialista Europeo che deve stimolare una Europa dei cittadini  più ricca e giusta. Un impegno che spero potrai continuare assieme a tutti i compagni europei del PSE. C'è ne è bisogno anche in questa GIORNATA MONDIALE DELL'AMBIENTE  che va salvaguardato con conoscenze scientifiche  e con guide politiche illuminate e forti per l'ambiente e il benessere degli europei e non solo.

Prato 5 giugno 2019   Vincenzo Valenzi
Circolo IT PSE


- LO SVILUPPO SOSTENIBILE PASSA DALLA ALLERGIE.
Tossicologia a parte, restano le zone grigie delle cosiddette pseudoallergie (la celiachia o intolleranza al glutine) e le intolleranze.


- TECNICHE DI RIABILITAZIONE E TRATTAMENTO DEL DOLORE INTEGRATE
Confesso che sono stato sempre tiepido di fronte all'osteopatia. Invaghito dalla potenza dei farmaci  in particolare allopatici che danno spesso grandi risultati sia nel cronico.  https://youtu.be/TvWAqe-vLsA, che in acuto  http://www.cimb.me/casi-clinici.html ,ma anche gli omeopatici e tutti gli altri visti usare magistralmente da Umberto Grieco, e di alcuni integratori e cosmetici biodinamici che mostrano una potenza antalgica spettacolare. Il tratto comune del successo a tutti è l'incremento dell'ordine biologico e della coerenza nei sistemi, che è il parametro biofisico misurabile a livello bioelettrico, dinamometrico e monitorabile a livello   sensoriale, che si rileva sui meridiani visti come circuiti elettrici (il che potrebbe aiutare a capire i risultati dell'agopuntura), e che consente la terapia di precisione e la scelta del farmaco coerente qui e ora aiutando non poco a ottimizzare la terapia contro il dolore acuto e cronico che oggi ripiega spesso su oppioidi e cannabinoidi con le controindicazioni varie https://www.rollingstone.it/politica/cannabis-light-per-la-cassazione-la-vendita-e-illegale/460588/

Ma opportune manipolazioni, in certi casi, appaiono decisive per sbloccare situazioni difficili come il disastro intercostale  che mi ha afflitto nell'ultima missione nei Balcani,  dove a seguito di movimenti o di atti respiratori ero colpito da fitte dolorose all'altezza della scapola. Dopo vari tentativi farmacoelettrodinamica falliti, chiesi a Salvatore Oliverio di metterci le mani e con quattro manovre ha sbloccato la situazione che si è progressivamente risolta.
Indubbiamente c'è molto da capire, ma vedo tecniche riabilitative di grande efficacia che meritano attenzione.

Vincenzo Valenzi



- NOTE DI RIABILITAZIONE OSTEOPATICA
L’azione della Biofisica nei tessuti dell’organismo interviene sull’equilibrio.
L’influenza degli squilibri Bio-Fisici causano e cambiano il verso e la direzione delle forze Discendenti e Ascendenti all’interno del nostro corpo umano. Qualunque forza meccanica che crea deformazione strutturale stira i legami inter-molecolari producendo un leggero flusso elettrico (carica piezoelettrica).
Piezoelettricità significa letteralmente "pressione elettrica". Le formazioni cristalline sono la regola nei tessuti vivi. Questi cristalli generano campi elettrici quando vengono compressi o tirati. Quando un osso o una cartilagine è compressa, quando un tendine o un legamento sono allungati, quando la pelle è tesa, si creano delle pulsazioni elettriche. Variando le cariche elettriche, avviene uno squilibrio e la carica può essere rilevata dalle cellule e comportare modifiche biochimiche: ad esempio infiammazioni latenti nelle cartilaggini con conseguenza di assottigliamento( infiammazioni-dolori)
L'Osteopata con la manipolazione può intervenire per il riequilibrio del Piezoelettrico, attivando il cambio funzionale e la rigenerazione, eliminando, l'infiammazione e il dolore.
SALVATORE OLIVERIO

ISTITUTO DI MEDICINA INTEGRATA E BIOFICICA
     
Многоуважаемые Коллеги!
Поздравляем Вас с наступающим Новым Годом! В Новом году должно повезти тем, кто умеет созидать и работать в команде, кто не отступает перед трудностями, движется вперёд, надеясь не только на удачу, но и на собственную компетентность! Пусть этот год будет для Вас годом удачных проектов, которые приведут к достойным грантам! Не откладывайте того, что Вам действительно хочется! Путешествуйте, Любите, Стройте, Созидайте! Будьте Здоровы и Счастливы во всём! Решайте вопросы и стройте планы на будущее вместе с единомышленниками, в том числе, на Международной Крымской конференции "Космос и Биосфера"!

                                                                                                                               Приглашаем Вас принять участие в
XІІI Международной Крымской конференции "Космос и Биосфера",
проведение которой планируется 14 – 18 октября 2019 г. в Крыму.
Работа конференции будет, как и прежде, включать пленарные доклады, устные сообщения и стендовые доклады, а также вечерние лекции. Остается без изменений тематика конференции:

·        космическая погода и биологические процессы;
·        эффекты космической погоды и медицины;
·        космическая погода и физико – химические системы, физика воды, космические влияния на техносферу;
·        космическая погода и общественные явления;
·        космофизика и физическая экология;
·        биологическое действие микродоз различных физических и химических факторов.

Тезисы докладов будут опубликованы к началу работы конференции.
Для участников конференции будет подготовлена культурная программа.
Просим до 31.01.19 г. высказать свое мнение на предмет участия в работе конференции и предложения о месте ее проведения по электронному адресу: cosmos.biosphere2017@mail.ru
С наилучшими пожеланиями, Оргкомитет Конференции.
VERSO LA XII CONFERENZA INTERNAZIONALE DI CRIMEA COSMO E BIOSFERA

Cari colleghi!
Felice Anno Nuovo! Il nuovo anno dovrebbe essere fortunato per coloro che sono in grado di costruire e lavorare in squadra, che non si ritirano prima di superare le difficoltà, andando avanti, sperando non solo nella fortuna, ma anche nella propria competenza! Lasciate che quest'anno sia per voi un anno di progetti, di successo che porterà a successo e  sovvenzioni alla ricerca degne di nota! Non ritardare ciò che si vuole veramente! Viaggi, amore, costruire, creare! Sii sano e felice in tutto! Risolvere le domande e costruire i piani per il futuro insieme a persone affini, anche al convegno internazionale di Crimea "Cosmo e biosfera "!

Vi invitiamo a partecipare alla XII Conferenza internazionale di Crimea  "Cosmo e biosfera ", che si terrà il 14-18 ottobre 2019 in Crimea.

Il lavoro della conferenza continuerà ad includere relazioni plenarie, presentazioni orali e presentazioni di poster, nonché conferenze serali. Gli argomenti della conferenza rimangono invariati:
• Meteorologia spaziale e biologica.

• Effetti del clima  cosmico sulla vita terrestre;

• Meteorologia spaziale e sistemi fisici e chimici, fisica dell'acqua, influenze cosmiche sulla tecnosfera;

• Meteorologia cosmica e fenomeni sociali;

• Cosmofisica e ecologia fisica;

• Effetti biologici di microdosi di vari fattori fisici e chimici.

Le tesi delle relazioni saranno pubblicate all'inizio della conferenza.

Un programma culturale sarà preparato per i partecipanti alla conferenza.

Per favore, prima di 31.01.19, dia la sua opinione sul tema e l'adesione  ai lavori della conferenza inviaci informazioni sui partecipanti all'indirizzo e-mail:cosmos.biosphere2017@mail.ru

I miei migliori auguri

Il Presidente del Comitato organizzatore della conferenza
Boris Vladimirsky
L'EREDITA' DI GIULIANO PREPARATA NELLA LOTTA PER LA SALUTE PUBBLICA

Preparata, dimenticato dopo una vita per la salute pubblica - Villaggio Globale - https://www.vglobale.it/2018/12/15/preparata-dimenticato-dopo-una-vita-per-la-salute-pubblica/

Il 14/12/1999  presso l'Institute of Pharmacology University of Rome “La Sapienza”
si tenne il Seminario di Giuliano Preparata sul  The role of QED (Quantum Electro Dynamics) in medicine   http://www.22passi.it/downloads/biorisonanza/qeddefinitivo.pdf

Si consumava 19 anni fa l'ultima grande fatica di quello che fu definito da Zhadin con Galilei e Fermi uno dei più grandi fisici teorici di ogni tempo, dedicato al tentativo di costruire un nuovo ponte tra Fisica e Biologia che aiutasse il mondo scientifico a svelare gli enigmi del funzionamenteo biolgico e delle interazioni non lineari deboli.

Fa una certa impressione osservare come a fronte degli sviluppi teorici impressi da Giuliano Preparata ed Emilio del Giudice che in qualche modo ci hanno aiutato a comprendere molti fenomeni oscuri e inquietanti come le intolleranze farmacologiche e le relative reazioni avverse non immunologiche, che mietono  solo negli  USA centomila morti, offrendoci modelli teorici e strumentali per fare la terapia di precisione farmacoelettrodinamica, si insiste nella penosa opera di continuare a tentare nell'opera di confinamento dell'opera di Preparata  come ai tempi in cui Lo stessa lavorava al confinamento dei Quark e i suoi colleghi invece lavoravano al confinamento di Preparata.  

La partita scientifica pura è in corso con sviluppi teorici sperimentali e applicativi che tendono a mettere in evidenza come quanto emerse nello studio aperto svolto presso il Comando Generale della GDF presentato con la farmacologa Maria Luidsa Roseghini sul ruolo dei SEP nella terapia guidata dei farmaci sia valido  http://www.corrierenazionale.net/2018/08/24/osservazioni-su-intolleranze-alimentari-e-farmacologiche-in-ambito-zootecnico-e-umano/.  Ci apprestianmo, a circa venti anni di distanza a realizzare i famosi studi in doppio cieco che, come proponevo al buon Garattini, sarebbe bene che si tengano nelle migliori condizioni, sempre che si sia interessati alla verifica sperimentale di una opportunità di ridurre le reazioni avverse ai farmaci e aumentare la potenza effettiva operativa degli stessi nelle patologie più diffuse, dalle allergie, alle gastriti, alla terapia del dolore, ecc.
A questa ora 19 anni fa si cenava e si progettava il futuro ponte tra biologia e fisica, con Giuliano Preparata Emilio Del Giudice, Giuseppe Sermonti,  Mariano Bizzarri, Giovanni Gigane, Baldassare Messina, Maria Luisa Roseghini e altri.
Ricordando quella sera, quelle passioni, quella grande scienza in azione, non ci resta che continuare sulla scia della grande eredità che Giuliano Preparata ci ha lasciato, che sapremo valorizzare per vincere la sfida scientifica della lotta alle reazioni avverse ai farmaci che possono e debbono essere usati migliorando il rapportto rischi benefici e perchè no, anche quello costi benefici, in un momento in cui come diceva Natan, non c'è tanta trippa pe gatti e siamo alle prese con la lotta agli sprechi che, nel campo della salute, sono deleteri all'ennesima potenza, assommando ipercosti con iporisultati, che non hanno più ragione di essere grazie alla biofisica di  Giuliano Preparata  http://www.biophys.ru/archive/congress2012/valenzi.pdf.  

Prato 14 dicembre 2018   Vincenzo Valenzi
info@uniglobus.it
Created by Marziano
Torna ai contenuti